sintesi online
scarica sintesi ed. cartacea

cercasi collaboratori 300p

TELEPEGASO 812 001

Sturzo e la Sicilia

Sturzo e la Sicilia, un volume unico per far comprendere che per colmare il profondo divario tra Nord e Sud è necessario porre il Mezzogiorno nelle condizioni di diventare il grande protagonista di una politica mediterranea e far crescere nei meridionali la convinzione che la redenzione comincia da noi, senza attendere che lo sviluppo del Sud possa venire solo dall'esterno.

Il libro, edizione Pegaso Caltagirone, con prefazione di Chiaramonte, La Tora, Palladino, introduzione e testo a cura di Franco D'Urbino, verrà ceduto gratuitamente a coloro che desiderano approfondire le varie tematiche che affliggono ancora oggi la Sicilia.
Rivolgersi a CO.FIN.AS – Via Giovanni Burgio, 41, Caltagirone. Ore ufficio.

 

cappadonna SINTESI ON LINE

Galleria Video

Meteo Sicilia

RICORDO DI UN INCONTRO

Queste riflessioni nascono per cercare di rispondere ad una domanda, pur legittima: Come mai Luigi Sturzo, sacerdote cattolico, abbia apprezzato l’opera di Maria Montessori, medico, educatrice di ispirazione positivistica?

Come Sturzo conobbe La Montessori?

Leggi tutto...

IL FENOMENO SOCIAL E LA SPETTACOLARIZZAZIONE DELLA NOTIZIA NEL RISPETTO DELLE REGOLE DEONTOLOGICHE.

Troppo spesso leggiamo notizie che rappresentano una spettacolarizzazione social acchiappa click. chi lavora nel mondo dell’informazione deve agire nel rispetto di alcune regole di base, come la verifica della fonte. Lo spettacolo non può essere compreso come l’abuso di un mondo visivo, il prodotto delle tecniche di diffusione di immagini. Spettacolarizzare la vita quotidiana, da parte dei mass media, determina una trasformazione sociale, creando una società in apparenza trasparente.

Leggi tutto...

RINUNCIARE ALLA NOSTRA PRIVACY PER PERMETTERCI DÌ GODERE DÌ PIU’ SICUREZZA

Ci sono decenni in cui non succede nulla, e ci sono settimane in cui accadono decenni. È un buon punto di partenza per cominciare a pensare al mondo dopo il coronavirus. Il coronavirus ci ha ricordato qualcosa che in fondo sapevamo già: la segretezza può essere molto pericolosa.

Leggi tutto...

COVID………IN CAMMINO

Dopo le tante attese vacanze e l’incipiente autunno, la ripartenza ci ha condotto in un clima, che si può definire di guerra. Abbiamo ancora una volta un unico nemico, il contagio COVID contro il quale le nostre armi di difesa si dimostrano abbastanza deboli, una Guerra che per la debole economia italiana diventa fattore traumatico soprattutto nei riguardi del nostro vivere quotidiano che mal si adatta a convivere con esigenze di vita completamente diverse.

Le ragioni sono abbastanza evidenti perché se è vero che in una Guerra bisogna adattare le misure restrittive molto rigorose rispetto ai nostri naturali diritti fondamentali della libertà di muoversi, alle limitazioni delle attività economiche, culturali, sociali e scolastiche, se non ci abituiamo subito, la guerra è già persa prima di combatterla.

Infatti, mettere insieme queste norme coercitive ed adattarli al nostro convivere quotidiano ci ha portato alle insurrezioni di piazza, alle guerriglie, agli scioperi a catena perché manca una cultura della condivisione, ma soprattutto perché manca un governo di unità nazionale, ma ci sono pezzi dello Stato incapaci, strumentali insieme ai partiti e movimenti, a cui aderiscono. Una Guerra si supera se un governo riesce a mettere insieme società civile, famiglie, regioni e comuni.

Né riteniamo che ci siano le condizioni per riportare il baricentro della politica lontano dagli estremismi distruttivi necessari per affrontare l’emergenza covid. Abbiamo una cupola che governa lo stato del paese Italia di capi di gabinetto, capi degli uffici legislativi, capi segretari, capi consiglieri corte dei conti, direttori generali, consiglieri di stato, onorevoli, senatori, sottosegretari, porta voci, porta borse solo efficienti per se stessi ma non per il popolo Italiano.

insieme formano la fumosa burocrazia, che continua a distruggere l’economia, l’unità del governo, l’unità nazionale, le imprese italiane, fa arricchire la mafia, la ndrangheta, la malavita organizzata, l’usura, fenomeno abbastanza radicato e diffuso anche nella nostra Caltagirone. L’Italia è una macchina farraginosa col serbatoio mezzo vuoto e gli interventi o le misure previdenziali messe in campo dal governo non arrivano mai a legittimare le giuste richieste per dare ossigeno agli italiani e cadono nel labirinto della totale confusione e disordine burocratico, che mortifica e distrugge l’onorabilità della politica

Questa è strada impossibile da percorrere e i disordini nei quali vengono a rimetterci la vita sono anche e soprattutto le nostre forze dell’ordine mal pagati, maltrattati e frustati psicologicamente. Una guerra al massacro, un suicidio politico…..?

Editoriale : STATI GENERALI UN BICCHIERE MEZZO VUOTO

La finale di Coppia Italia, inizia con l’Inno di Fratelli d’Italia, ma chiude con due canzoni popolari O Sole Mio e Torna a Sorrento, cantate da milioni di napoletani e non, e tutto ciò al di là della dura polemica tra Salvini e De Luca, che si poteva

Leggi tutto...

CALATINI NEL MONDO

 

I racconti di mia nonna su parenti lontani mai conosciuti , emigrati in America alla ricerca di un futuro, erano per me bambino una fonte inesauribile di fantasia. Immaginavo i miei avi sulla nave, pronti a salpare con in mano un

Leggi tutto...

pubblicità assicurazione

Grafica1 centro Sturzo

pubblicità libro il bosco di s. pietro

Spazio Aperto

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx
Pin It

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già state impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra politica sulla privacy. Accetto i cookie da questo sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information