sintesi online
scarica sintesi ed. cartacea

cercasi collaboratori 300p

TELEPEGASO 812 001

Sturzo e la Sicilia

Sturzo e la Sicilia, un volume unico per far comprendere che per colmare il profondo divario tra Nord e Sud è necessario porre il Mezzogiorno nelle condizioni di diventare il grande protagonista di una politica mediterranea e far crescere nei meridionali la convinzione che la redenzione comincia da noi, senza attendere che lo sviluppo del Sud possa venire solo dall'esterno.

Il libro, edizione Pegaso Caltagirone, con prefazione di Chiaramonte, La Tora, Palladino, introduzione e testo a cura di Franco D'Urbino, verrà ceduto gratuitamente a coloro che desiderano approfondire le varie tematiche che affliggono ancora oggi la Sicilia.
Rivolgersi a CO.FIN.AS – Via Giovanni Burgio, 41, Caltagirone. Ore ufficio.

 

cappadonna SINTESI ON LINE

Galleria Video

Meteo Sicilia

Caltagirone: Il sindaco Ioppolo sul ritardo nel pagamento degli stipendi: “Problema temporaneo e non strutturale, tante iniziative in campo per risolverlo”. Attese positive novità entro fine mese

“Nessun rischio di dissesto, né alcuna necessità di ricorrere al pre-dissesto, perché le difficoltà sono momentanee e non strutturali e non riguardano il bilancio, che abbiamo da tempo messo al riparo, ma soltanto la cassa”. Lo ha dichiarato stamani il sindaco Gino Ioppolo intervenendo in conferenza stampa sul tema del ritardo nella corresponsione degli stipendi ai dipendenti comunali, che attendono la mensilità di gennaio.

Lo ha fatto invitando tutti “al senso di responsabilità, per sgombrare il campo da possibili speculazioni”.

Con lui, in conferenza stampa, la Giunta al completo (il vicesindaco Sabrina Mancuso, gli altri assessori Francesco Caristia, Antonino Montemagno, Luca Distefano e Antonino Navanzino), il presidente del Consiglio comunale Massimo Alparone, il segretario generale Carolina Ferro e il ragioniere generale Pino Erba.

“Il Comune di Caltagirone – ha spiegato Ioppolo - ha registrato nelle ultime settimane una crisi di liquidità di cassa, dovuta ad alcuni pagamenti straordinari, per oltre 6 milioni di euro (per i maggiori oneri riconducibili a espropriazioni di 25 anni fa e la restituzione di un prestito alla Cassa depositi e prestiti entro il termine, rivelatosi perentorio, dello scorso 31 dicembre), cui ha dovuto fare fronte negli ultimi mesi del 2019. Si tratta di somme che avremmo potuto utilizzare per i pagamenti ordinari, primi fra tutti gli stipendi, che rappresentano una delle nostre priorità, come abbiamo tangibilmente dimostrato azzerando i problemi del passato, e che invece non sono più nelle nostre casse.

A ciò si è aggiunto l’irrigidimento dell’istituto di credito che svolge le funzioni di tesoriere (la Creval) che, pur avendo ricevuto dal nostro Comune 6,5 milioni di euro con i quali è stata estinta la partita debitoria del passato, continua a ritenere che, in assenza di apposita convenzione (scaduta nel 2011), non abbia l’obbligo delle anticipazioni bancarie. Noi sosteniamo il contrario, mantenendo una costante interlocuzione con la stessa banca, ma percorrendo, nel contempo, anche altre strade, come quella del reperimento, sul mercato nazionale, di una nuova offerta bancaria (a breve un nuovo bando, ma anche l’incontro con i vertici di un altro istituto di credito), o della cancellazione dalla Centrale rischi, da parte della stessa Creval, della garanzia da 15 milioni di euro riconducibile al project financing per il parcheggio Santo Stefano e sussistente dal 2008.                                                                                                                             

Ci stiamo muovendo pure – ha aggiunto il primo cittadino -, attraverso i parlamentari, a partire da quelli del territorio, perché si arrivi a una riforma di settore che individui nella Cassa depositi e prestiti l’unico interlocutore per tutti i Comuni e li sottragga alle logiche delle banche che rischiano di strangolarli. Quanto accaduto nelle ultime settimane a Caltagirone, infatti, si registra in tantissimi altri Comuni.

Nessun dissesto, quindi – ha concluso Ioppolo -, ma anche nessuna necessità di ricorrere al pre-dissesto. Nessuno squilibrio di bilancio, perché il bilancio l’abbiamo da tempo messo in sicurezza e a breve, anzi, approveremo il preventivo 2020 che sottoporremo al Consiglio, ma solo una temporanea difficoltà di cassa, che supereremo presto o attraverso una risposta positiva dell’istituto tesoriere, o mediante i trasferimenti statali e regionali che, già alla fine di febbraio, ci consentiranno di ripristinare l’equilibrio di cassa e di pagare gli stipendi ai dipendenti.  Intanto stiamo rafforzando l’attività di riscossione dei tributi, per evitare il riproporsi, in futuro, di analoghe difficoltà di cassa”.

                                                                                                                                                        

“Nessun rischio di dissesto, né alcuna necessità di ricorrere al pre-dissesto, perché le difficoltà sono momentanee e non strutturali e non riguardano il bilancio, che abbiamo da tempo messo al riparo, ma soltanto la cassa”. Lo ha dichiarato stamani il sindaco Gino Ioppolo intervenendo in conferenza stampa sul tema del ritardo nella corresponsione degli stipendi ai dipendenti comunali, che attendono la mensilità di gennaio. Lo ha fatto invitando tutti “al senso di responsabilità, per sgombrare il campo da possibili speculazioni”Con lui, in conferenza stampa, la Giunta al completo (il vicesindaco Sabrina Mancuso, gli altri assessori Francesco Caristia, Antonino Montemagno, Luca Distefano e Antonino Navanzino), il presidente del Consiglio comunale Massimo Alparone, il segretario generale Carolina Ferro e il ragioniere generale Pino Erba.

“Il Comune di Caltagirone – ha spiegato Ioppolo - ha registrato nelle ultime settimane una crisi di liquidità di cassa, dovuta ad alcuni pagamenti straordinari, per oltre 6 milioni di euro (per i maggiori oneri riconducibili a espropriazioni di 25 anni fa e la restituzione di un prestito alla Cassa depositi e prestiti entro il termine, rivelatosi perentorio, dello scorso 31 dicembre), cui ha dovuto fare fronte negli ultimi mesi del 2019. Si tratta di somme che avremmo potuto utilizzare per i pagamenti ordinari, primi fra tutti gli stipendi, che rappresentano una delle nostre priorità, come abbiamo tangibilmente dimostrato azzerando i problemi del passato, e che invece non sono più nelle nostre casse.

A ciò si è aggiunto l’irrigidimento dell’istituto di credito che svolge le funzioni di tesoriere (la Creval) che, pur avendo ricevuto dal nostro Comune 6,5 milioni di euro con i quali è stata estinta la partita debitoria del passato, continua a ritenere che, in assenza di apposita convenzione (scaduta nel 2011), non abbia l’obbligo delle anticipazioni bancarie. Noi sosteniamo il contrario, mantenendo una costante interlocuzione con la stessa banca, ma percorrendo, nel contempo, anche altre strade, come quella del reperimento, sul mercato nazionale, di una nuova offerta bancaria (a breve un nuovo bando, ma anche l’incontro con i vertici di un altro istituto di credito), o della cancellazione dalla Centrale rischi, da parte della stessa Creval, della garanzia da 15 milioni di euro riconducibile al project financing per il parcheggio Santo Stefano e sussistente dal 2008.                                                                                                                             

Ci stiamo muovendo pure – ha aggiunto il primo cittadino -, attraverso i parlamentari, a partire da quelli del territorio, perché si arrivi a una riforma di settore che individui nella Cassa depositi e prestiti l’unico interlocutore per tutti i Comuni e li sottragga alle logiche delle banche che rischiano di strangolarli. Quanto accaduto nelle ultime settimane a Caltagirone, infatti, si registra in tantissimi altri Comuni.

Nessun dissesto, quindi – ha concluso Ioppolo -, ma anche nessuna necessità di ricorrere al pre-dissesto. Nessuno squilibrio di bilancio, perché il bilancio l’abbiamo da tempo messo in sicurezza e a breve, anzi, approveremo il preventivo 2020 che sottoporremo al Consiglio, ma solo una temporanea difficoltà di cassa, che supereremo presto o attraverso una risposta positiva dell’istituto tesoriere, o mediante i trasferimenti statali e regionali che, già alla fine di febbraio, ci consentiranno di ripristinare l’equilibrio di cassa e di pagare gli stipendi ai dipendenti.  Intanto stiamo rafforzando l’attività di riscossione dei tributi, per evitare il riproporsi, in futuro, di analoghe difficoltà di cassa”.

                                                                                                                                                          

Condividi

Aggiungi commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del giornale, fermo restando la piena libertà di ciascuno ad esprimere la propria opinione su fatti, che possano interessare la collettività o sugli argomenti da noi pubblicati.
I contributi non potranno, per nessun motivo, essere in contrasto con le norme di legge, con i principi della privacy, con la morale corrente e, particolarmente, i commenti non dovranno contenere:
- Ingiurie e diffamazioni.
- Espressioni volgari.
- Offese razziali contro qualsiasi credo o sentimento religioso e abitudini sessuali.
- Esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie e quant'altro di simile.
Tutti i contributi che non rispettano il Diritto d'Autore e che risulteranno in contrasto con le regole sopra elencate nel declainer non verranno pubblicati.
LE VOSTRE MAIL NON SARANNO PUBBLICATE!!


Codice di sicurezza
Aggiorna

pubblicità assicurazione

Grafica1 centro Sturzo

pubblicità libro il bosco di s. pietro

Spazio Aperto




 

banner croce costantino

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx
Pin It

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già state impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra politica sulla privacy. Accetto i cookie da questo sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information